È possibile l’Espansione Monetaria senza Iperinflazione? Sì, attraverso la Liquidità Distribuita

Posted by | Teorie Econonimche | No Comments

La Liquidità Distribuita, risolve uno dei problemi aperti e attualmente senza soluzione della teoria economica del ‘900: la possibilità di eseguire operazioni di espansione monetaria, finalizzata al rilancio dell’economia reale, a mezzo di emissione di moneta, rimanendo all’interno di un modello che esclude la possibilità di generare iperinflazione.

stampa-moneta-100-euroI keynesiani, infatti, i quali da sempre sostengono che l’economia va sostenuta tramite investimenti pubblici (finanziati con l’espansione monetaria), non hanno ad oggi proposto concretamente modelli che possano garantire l’immunità dell’inflazione a seguito dell’emissione di moneta. Ed è per questa mancanza che i monetaristi rimangono arroccati in posizioni di austerity, anche quando le condizioni di mercato sono fortemente recessive.
La LD, tramite un approccio completamente innovativo alle modalità di immissione della liquidità nel mercato, risolve questo problema, aprendo quindi un nuovo capitolo della storia economica del XXI secolo.

Tutte le politiche di stimolo dell’economia reale a mezzo investimenti finanziati con l’emissione di moneta, al di là delle varie modalità, partono da un presupposto: è lo Stato che, motu proprio, stampa moneta e finanzia grandi opere pubbliche e infrastrutture. L’approccio è quindi centralizzato, le opere sono imponenti, quindi hanno bisogno di procedure di attribuzione e gestione lente, burocratiche, e soggette a “pressioni” politiche.

Con la modalità di immissione di moneta prevista nel modello della Liquidità Distribuita, andiamo in una direzione diametralmente opposta, tramite tre principi anti-inflazione: 1) più moneta serve quando ci sono più scambi economici, quindi quando cresce l’economia; 2) i paesi in recessione presentano deflazione o inflazione negativa; 3) il principio per cui si stampa moneta deve ineludibilmente tendere a zero.

  1. La moneta viene iniettata direttamente sui soggetti che producono economia reale, ovvero Cittadini che acquistano e Imprese che producono utile. Conseguentemente il 100% della moneta creata va a generare immediatamente economia reale. Poiché il beneficiario finale è il cittadino e l’impresa, non solo si crea economia, ma si aumenta il benessere diffuso della popolazione. Di fatto, in questo modo, l’espansione monetaria segue l’espansione economica, rendendo neutrali le spinte inflattive generali del sistema.
  2. La liquidità viene proporzionalmente iniettata in maniera selettiva sulle nazioni che hanno maggiori difficoltà. Un paese in difficoltà economica, e quindi in fase recessiva, vedrà una contrazione dei consumi e degli investimenti, e a minore domanda i prezzi diminuiscono, generando deflazione (espressa o latente). Di conseguenza, maggiore è la recessione, maggiore sarà la deflazione, maggiore sarà lo stimolo monetario dedicato al paese, maggiore sarà quindi la controspinta inflazionistica generata. Questo meccanismo, quindi, tende a portare le spinte inflattive nazionali su un livello di neutralità.
  3. Con il tempo, l’iniezione di liquidità tende automaticamente a zero e quindi all’equilibrio. Essendo lo stimolo monetario iniettato in maniera selettiva sui paesi, proporzionalmente alla gravità del loro stato economico, il miglioramento prodotto sull’economia reale porterà ad un miglioramento dei fondamentali macroeconomici nel periodo successivo. Conseguentemente lo stimolo monetario nel periodo successivo sarà minore, e così via fino a quando il paese non sarà livellato agli altri paesi, con stimolo uguale a zero.

Con la LD, in definitiva, si risolve il problema di attuare politiche monetarie espansive senza riflessi negativi su piano dell’inflazione. Al contrario, la LD porta una controspinta inflazionistica in quei mercati dove la recessione spinge alla deflazione. Il risultato è un aggregato omogeneo dell’inflazione, che quindi può essere efficientemente governato da politiche centrali per ottimizzare gli equilibri valutari internazionali.

Liquidità Distribuita, una simulazione di applicazione nell’Unione Europea

Posted by | Europa, News | No Comments

Un’idea più chiara dell’equità insita nello strumento della Liquidità Distribuita si può avere guardando una simulazione di applicazione all’interno dell’Unione Europea.

A questo link l2l.it/LD1 è possibile scaricare un file Excel contenente un’ipotesi di applicazione del modello della Liquidità Distribuita ai paesi dell’Area Euro (con l’aggiunta del Regno Unito). Questa simulazione è stata fatta prima del referendum che ha decretato l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea ed è quindi particolarmente interessante, poiché mostra i benefici monetari che avrebbero avuto i britannici se fossero rimasti nell’UE e avessero scelto di adottare la moneta unica.

I dati sono orientativi e l’obiettivo delle tabelle è solo quello di dare un’idea quantitativa degli stimoli monetari che la LD sarebbe in grado di generare per ogni stato.

euro-catena-unione-europea

COMMENTO ALLE TABELLE DI SIMULAZIONE DELLA LD

Tabella 1
Nella tabella vengono inseriti gli indicatori di base PIL, Debito Pubblico e Spread. Tramite il prodotto di Debito per Spread si ottiene la quantificazione dello Stimolo Monetario necessario per ogni nazione. Il prodotto tra PIL e Reverse Spread determina l’indice di performance assoluto e quindi la percentuale di allocazione dei premi sul totale.

Tabella 2
Il Totale Stimolo Monetario, individuato per ogni nazione nella prima tabella, viene suddiviso tra tutte le nazioni in base alla percentuale di allocazione sul totale. Ogni nazione, così, da una parte ha dei premi da impiegare nelle altre nazioni, dall’altra riceve impieghi dalle altre nazioni su se stessa.

NOTA 1: nel modello si vede come la nazione più virtuosa del sistema, e quindi con il maggiore benessere economico, sia quella che non riceve nessun investimento da parte degli altri paesi (ed è corretto in quanto non ne ha bisogno). Allo stesso tempo, avendo il Reverse Spread migliore, è quella che per ogni unità di PIL riceverà più premi da spendere negli altri paesi (quindi ha più capacità di diffondere i propri modelli aziendali vincenti).
Viceversa, il paese con la peggiore performance, non avrà nessun premio da spendere nelle altre nazioni (ed è corretto, in quanto non è nelle condizioni di poter trasmettere modelli vincenti), ma avrà il massimo Stimolo Monetario a disposizione in proporzione al suo Debito, affinché gli altri paesi vengano ad investire.

NOTA 2: nell’allocazione degli stimoli monetari, si evidenzia che anche gli stati avranno a disposizione uno stock di stimolo monetario per se stessi. Tale stimolo è la quantità di moneta disponibile per l’applicazione della Liquidità Distribuita a livello regionale.

Tabella 3
Nella tabella si simula, fermi gli altri fattori costanti, l’andamento della creazione e iniezione di Stimolo Monetario per l’Italia. Ammettendo che l’impatto di investimenti e consumi esteri diretti in Italia produca un miglioramento economico e conseguentemente una riduzione dello Spread medio annuo del 20%, la tabella riporta l’andamento dell’espansione monetaria aggregata per l’Italia in 20 anni.
Nella realtà l’efficacia dello stimolo sarà variabile di anno in anno, ma produrrà comunque nel tempo una tendenza alla riduzione dello stimolo complessivo. Eventuali shock esogeni che dovessero far aumentare nuovamente lo Spread (guerre, carestie, eventi sismici, etc), produrrebbero un picco momentaneo per poi rivedere una discesa.

BREXIT o REMAIN?

Posted by | Europa | No Comments

Brexit-EuropeSull’imminente referendum che tiene mercati e politici europei col fiato sospeso, c’è un commento che si può fare, a prescindere dal risultato.
L’Europa ha perso.

L’attuale difficoltà di far fronte all’emergenza immigrazione è solo lo specchio di una diffidenza per “l’altro” che è iniziata dentro i confini europei, fra gli stati membri, appena sono sorte le prima difficoltà economiche e il sistema non ha risposto adeguatamente.

Dove ha fallito, quindi, l’Unione Europea?
Su più fronti.
Non è riuscita a creare una politica estera comune, non ha generato risparmi di gestione nei bilanci statali, non è stata una soluzione alla crisi economica (anzi, l’ha accentuata negli stati in difficoltà), non è stata capace di creare sinergie funzionali al tessuto imprenditoriale, né, infine, ha generato alcuna solidarietà fra stati nella gestione dell’immigrazione.
E per gli stati “benestanti” è stata comunque un limite (non compensato da benefici) alla disinvoltura con cui erano soliti approcciarsi allo sfruttamento delle risorse naturali e del mercato finanziario (è il caso della Gran Bretagna, per l’appunto).

Da dove ripartire, quindi?
Dalle politiche economiche. Ci vogliono regole e meccanismi che creino “la convenienza” a rimanere nell’Unione Europea. L’Europa deve attrezzarsi con strumenti equi di armonizzazione del sistema economico comunitario, che convengano a tutti, che siano giusti sul piano etico e funzionali sul versante macro e microeconomico.

La Liquidità Distribuita è una risposta concreta a questa necessità. La LD, infatti, può essere davvero uno strumento “fondativo” di una comunità economica, poiché crea, insieme, sinergie economiche e sociali.

Non è un caso che il libro propone una simulazione di applicazione della LD (scaricabile a questo link l2l.it/LD1) che include il Regno Unito fra gli stati membri dell’UE, evidenziando gli enormi vantaggi monetari per le imprese e i cittadini inglesi avrebbero all’interno dell’Europa Unita.